Il giardino di Giugno

gaura, plantago major 'atropurpurea' e stipa tenuissima nel giardino delle graminacee

gaura, plantago major 'atropurpurea' e stipa tenuissima nel giardino delle graminacee

Come già accennavo non ci sono grandi fioriture, non ancora almeno, eppure la mattina mi sveglio prima per farmi un giretto nel giardino delle graminacee prima di andare al lavoro, vedere come sono cresciute le piante: la sorpresa di trovare sempre qualcosa di nuovo, la soddisfazione di accorgermi quanto sono cresciute. In questo momento una foglia vale quanto mille fiori.

Ho sempre una certa attrazione per i prima/dopo, sia che si tratti di magre donne grasse che riescono ad entrare nei pantaloni di molti-chili-fa, ma soprattutto quando si tratta del mio giardino. Servono molto anche per rendermi conto di eventuali errori, ma anche per capire quanto e come si possono sviluppare certe piante. Le maggiori soddisfazioni sono nelle erbacee perenni di grande taglia, che impiegano anche qualche anno a raggiungere la loro dimensione naturale, sia con le graminacee che si incespiscono e creano struttura in giardino e guadagnano lo spazio che meritano.

Il giardino delle graminacee nel 2010

PRIMA - Il giardino delle graminacee nel 2010

E’ curioso quanto siano aumentate quelle 5 piantine di stipa tenuissima ed è una soddisfazione vedere che si sono anche allegramente disseminate aumentando di volume esponenzialmente. L’eupatorium maculatum ‘Atropurpureum’ è una delle mie gioie più grandi in questo periodo, spesso mi ci metto vicino e mi misuro con lui in altezza: nel 2010 in fioritura mi arrivava all’anca, quest’anno mi ha ampiamente superato e ancora non è fiorito… L’unica cosa che mi preoccupa è il panicum virgatum ‘Heavy Metal’ che gli ho messo dietro, si è molto allargato ma in altezza non sta dando il meglio di sè… dovrebbe essere almeno 1,80 mt in fioritura… Forse devo solo essere più paziente.

Il giardino delle graminacee 2011

DOPO - Il giardino delle graminacee 2011

Quello che manca rispetto al 2010 sono i taxus baccata fastigiata che miseramente non hanno superato l’inverno, troppe piogge hanno seriamente compromesso anche la siepe di bosso, a cui ho già sostituito una pianta, ma credo che ne seguiranno altre purtroppo.

trifolium rubens 'Red Feathers'

trifolium rubens 'Red Feathers'

Un’altra perenne che mi ha piacevolmente colpito è stato il trifolium rubens ‘Red Feathers’. Avevo deciso l’anno scorso di metterlo in prova, mi piaceva, ma nei vivai (pochi) che lo tenevano lo vedevo sempre malconcio, molto spesso stroncato dall’oidio e questo mi preoccupava, non voglio piante schizzinose nel mio giardino. Alla fine mi sono fatto forza, in fin dei conti è un trifoglio, mi sono detto, ed infatti lo è. Va lasciato piuttosto asciutto e drenato, è una di quelle piante che vogliono essere un po’ maltrattate. Si è anche disseminato con discrezione e la cosa mi stuzzica.

graminacee spontanee nel (futuro) boschetto retroilluminate dai raggi della sera

graminacee spontanee nel (futuro) boschetto retroilluminate dai raggi della sera

La parte del bosco è quella a cui abbiamo lavorato meno in questo periodo, eppure è quella che mi ha regalato l’emozione maggiore con le numerose graminacee selvatiche, su cui ci siamo limitati a rasare un varco, per simulare come si potrebbe sviluppare quell’area del giardino.

uva spina rossa

uva spina rossa

Un piccolo esperimento che ha dato i suoi buoni frutti è stato quello di piantare l’uva spina rossa. I frutti sono turgidi e dolci e accompagnano la visita nel boschetto. Abbiamo deciso di implementare la coltivazione di ‘piccoli frutti’: fragole, uva spina, lamponi, ribes,… Altrimenti che boschetto sarebbe senza dei piccoli dessert?!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: